Pubblicato il 06/10/2020

Dicitura in fattura - Credito investimenti strumentali

Vi segnaliamo che qualora nella fattura di acquisto o leasing e/o nell’altra documentazione (es. ordini e relative accettazioni, DDT, contratti di leasing, bonifico) non sia stata inserita la dicitura richiesta dalla normativa di riferimento non si perde il diritto di accedere all’agevolazione, in quanto è possibile integrare i documenti già ricevuti.

Le risposte agli interpelli n. 438 e 439 dell'Agenzia delle Entrate chiariscono i dubbi in merito alla documentazione idonea a dimostrare l'effettivo sostenimento e la corretta determinazione dei costi agevolabili. In sintesi, l'agenzia precisa che in caso di documenti privi del riferimento all'articolo 1, commi da 184 a 197, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, occorrerà regolarizzare tale omissione, anche se i beni sono acquisiti in leasing, prima dell’avvio di eventuali attività di controllo.

La regolarizzazione può avvenire alternativamente mediante:

  • apposizione della dicitura "bene agevolabile ai sensi dell’articolo 1 commi 184-197 della Legge 160/2019" manualmente oppure mediante utilizzo di un apposito timbro, sulle fatture (sia di saldo che di acconto) originali ricevute in modalità cartacea (es: da fornitori UE ed extra UE) o sulla stampa in formato cartaceo delle fatture elettroniche.
    Vi consigliamo di apporre tale dicitura anche su ordini, conferma ordine del fornitore, contratti di leasing, DDT, verbali di collaudo e consegna, contabili di pagamento e bonifici.
   ovvero
  • integrazione elettronica da unire all'originale, da trasmettere allo SDI e successivamente da conservare insieme al file originale.

Scadenza: Bilancio 2020


RIVALUTAZIONE DEI BENI

Impatto nel planning fiscale e di bilancio: della rivalutazione dei beni materiali, immateriali (marchi, brevetti) con possibilità di riconoscimento fiscale del valore, impatto sul cash flow e sugli indici di bilancio.

 

Vai al bando

Scadenza: 30/06/2023


CREDITO D'IMPOSTA INDUSTRIA 4.0

Nuovo credito d'imposta in percentuale sull'acquisto di beni strumentali nuovi (anche in leasing). Potenziamento delle percentuali di credito riconosciute, velocizzate le modalità di utilizzo ed allungando del periodo di validità del beneficio.

 

Vai al bando

Scadenza: 31/12/2022


CREDITO D'IMPOSTA DESIGN INDUSTRIALE

Credito d'imposta sulle spese per attività di design industriale, ideazione estetica per ogni settore su prodotti industriali/artigianali e sui costi di realizzazione del campionario per i settori del Made in Italy.

 

Vai al bando

 

Guarda tutti i bandi


Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato sui nuovi bandi e nuove opportunità per la tua azienda